Top

Casa mobile sperimentale ricavata da un vecchio silo e altri materiali di recupero

casa mobile sperimentale

Casa mobile sperimentale ricavata da un vecchio silo e altri materiali di recupero

Un concept di casa mobile ideato e realizzato da Refunc Architecture che utilizza un vecchio silo in vetroresina ed altri materiali di recupero come base per realizzare una mini casa essenziale e funzionale allo stesso tempo.

Nella raccolta 7 grain silos converted into house abbiamo raggruppato sette esempi di case realizzate utilizzando dei silos in acciaio nati per contenere grano, anche in questo caso Refunc utilizza un vecchio silo recuperato in un’azienda agricola, ma in questo caso costruito in vetroresina. Una serie di tagli e l’aggiunta di nuove parti ha permesso di ottenere sui due livelli gli spazi vitali necessari, la funzione di collegamento tra i due piani è svolta da una serie di appigli in materiale composito, di quelli utilizzati sulle pareti atificiali da freeclimbing.

Il prototipo di casa mobile minimale è un esempio di soluzione abitativa a basso costo e a basso consumo energetico. Un sistema di canalizzazioni permette di recuperare l’acqua piovana in un serbatoio, rendendola disponibile per irrigare l’orto o il giardino.

Il concept di Silo City è nato dalla necessità dell’architetto Jan Körbes dello studio Refunc, di avere una sistemazione più adatta per lui e sua figlia dopo aver vissuto per due anni in una roulotte. Questa necessità ha spinto Jan Körbes a materializzare il sogno covato per lungo tempo di convertire un silo in una mini casa.

 

casa mobile sperimentaleSotto, un video in inglese realizzato da faircompanies.com, dove lo stesso architetto descrive la casa in modo dettagliato parlando della sua genesi, degli spazi e della funzionalità.

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

casa mobile sperimentale

 

benedetto
No Comments

Rispondi